T  +39.049.973.1038 – info@panizzolo.com

  • it
  • en
  • fr
  • es
  • pl
Eventi, News, Novità, Prodotti

Archivi del mese: marzo 2019

La QUALITÀ deve essere concreta, non uno spot pubblicitario

 

Speciale Global Recycling Day: 18 Marzo 2019

Il Global Recycling Day promuove l’utilizzo di maggiori tecnologie per la valorizzazione dei rifiuti.

Per concretizzare tale progetto bisogna dedicare maggiore attenzione alle aziende che forniscono soluzioni di recupero di alta qualità, evitando le vaghe e illusorie campagne pubblicitarie. Alcune aziende spesso promettono alti risultati produttivi solo su carta, senza poi essere effettivamente in grado di ottenerli e lasciando i clienti in balia di molteplici problematiche.

 

innovazioni a servizio del cliente

È molto importante saperle distinguere, sia nella fornitura di macchinari che di impianti completi.

Una distinzione è l’investimento delle aziende in ricerca e sviluppo, che possono essere eseguite internamente o in partnership con istituiti di ricerca universitaria.
Entrambi i metodi hanno il fine di introdurre innovazioni a servizio del cliente. Il possesso di brevetti è la finale conferma di questa qualità.

Fattore importante è la predisposizione del fornitore all’ascolto delle problematiche del cliente.
Un prodotto di qualità si basa su solide procedure di Customer Care: dallo sviluppo del ciclo produttivo su misura della località produttiva fino al trattamento finalizzato a massimizzare il valore commerciale dei materiali trattati. Ulteriore plus valore è il pre-assemblaggio e collaudo prima della partenza. Solo poche aziende puntano a velocizzare l’installazione per massimizzare il tempo di formazione.

 

Mulino a Martelli e benefici economici

Nel trattamento dei rifiuti esempio per eccellenza è il mulino a martelli. Un macchinario tanto sottovalutato quanto fondamentale nella valorizzazione economica dei metalli.
L’operazione di macinazione e riduzione volumetrica permette di pre-trattare o raffinare rifiuti come motori elettrici, profilo di alluminio, barattolame, RSU misto, raccolta triturata, RAEE e molto altro. L’output misto viene successivamente convogliato a sistemi di separazione.

Un mulino a martelli di qualità è in grado di portare benefici finanziari e produttivi. Per questo motivo bisogna riportare sul piano tecnico parole come qualità, affidabilità e produttività.

Si possono fare velocemente degli esempi concreti.
La camera di macinazione deve essere corazzata, proteggendo la struttura esterna dall’usura.
Durante la lavorazione il mulino è soggetto a dei picchi di sforzo, quindi è di strategica importanza la scelta delle carpenterie e delle saldature. Comparando diversi mulini che trattano lo stesso materiale in input, si riscontra che in modelli più scadenti usure e cricche compaiono anche dopo un breve periodo di esercizio. Viceversa in altri modelli con specifiche e accurate caratteristiche costruttive queste problematiche non si manifestano neanche dopo anni di lavoro.
Altro metro di paragone sono i componenti soggetti ad usura. Acciai e fusioni devono essere studiati appositamente. Rifiuti contenenti materiali abrasivi devono essere trattati con martelli, corazze e griglie che garantiscano lunghi cicli di lavoro, mantenendo un’alta qualità del prodotto in uscita.
La tecnologia applicata deve essere funzionale e al servizio degli operatori. La manutenzione e il cambio di configurazione per diversi trattamenti (possibilità di macinare diversi rifiuti) deve avvenire nei tempi più brevi possibili.

Questi esempi si traducono ovviamente anche in benefici di carattere economico.

Nel futuro i rifiuti saranno sempre più complessi da valorizzare. Per concretizzare l’obbiettivo del Global Recycling Day è importante distinguere le aziende che, come Panizzolo, sono in grado di offrire soluzioni tecnologie professionali a servizio della valorizzazione dei metalli e della produttività delle aziende.

Panizzolo raddoppia l’area produttiva

 

Nel breve periodo Panizzolo completerà i lavori di ampliamento della sede, raddoppiando sia l’area produttiva che gli uffici di via Giacomo Matteotti.

La crescente mole di lavoro ha già portato lo scorso anno a introdurre nuovo personale specializzato nei reparti tecnici, commerciali e post vendita. Il 2019 vedrà lo sviluppo della zona produttiva con nuove aree adibite al pre-assemblaggio, collaudo di macchinari e impianti. Nuovi uffici e sale riunioni accoglieranno meglio i visitatori.

L’implementazione del personale commerciale e tecnico è una garanzia della professionalità e qualità che Panizzolo dedica al mercato, aumentando ulteriormente l’assistenza e la gestione delle necessità della clientela.

IERC 2019: Esposizione Panizzolo sui Fluff da RAEE

 

A gennaio 2019 Panizzolo ha parteciato al congresso di IERC, evento annuale che raduna a Salisburgo le più importanti aziende internazionali specializzate nella gestione dei rifiuti da RAEE.

Novità di quest’edizione è la sessione di speaching tenuta da Matteo Turatto, sales manager presso Panizzolo. Quest’occasione ha permesso di approfondire il trattamento dei Fluff da rifiuti RAEE e metalli misti, per valorizzarne a pieno il rame, l’alluminio e l’acciaio contenuti al loro interno.
Un tema costantemente caro ad aziende di molti paesi, costrette ogni anno a destinare in discarica svariate tonnellate di Fluff, materiale che ha invece notevoli potenzialità di recupero.

 

 

Turatto, durante la conferenza, ha comparato lo smaltimento con il processo di trattamento appositamente sviluppato. Con l’appoggio di filmati di impianti che trattano i materiali in questione, l’esposizione è stata correlata anche da calcoli economici sul trattamento, da percentuali sui metalli ricavati e foto degli stessi output.

La tecnologia dell’impianto sfrutta un trattamento completamente meccanico e automatizzato. I mulini a martelli all’interno sono stati appositamente studiati e brevettati. Tutta la soluzione di riciclaggio opera completamente in linea, valorizzando i metalli con ciclo End-of-Waste.
Questo impianto di raffinazione, unico in Europa per il metodo di trattamento, è il frutto di lunghi test presso l’impianto di Padova e punta non solo a dividere i metalli in output, ma soprattutto a massimizzarne il valore commerciale al momento della vendita.

La concretezza del contenuto esposto ha lasciato impressionate le molte aziende intervenute alla convention che, terminata la sessione, non si sono lasciate sfuggire l’occasione per rivolgere domande di approfondimento sia in sala sia presso lo stand Panizzolo.