T  +39.049.973.1038 – info@panizzolo.com

  • it
  • en
  • fr
  • es
  • pt-pt
  • pl

Category Archives: News

Il Gruppo Panizzolo ad ECOMONDO 2017

Dal 7 al 10 novembre 2017 si svolgerà a Rimini Fiera la ventunesima edizione di ECOMONDO, Fiera Internazionale del Recupero di Materia ed Energia, e dello Sviluppo Sostenibile, in contemporanea a KEY ENERGY.

Il Gruppo Panizzolo sarà presente nella sua posizione storica: Hall A3, Stand 047.

Le giornate di fiera saranno l’occasione per incontrare tutti gli operatori del settore ed offrire una panoramica sulla gamma di prodotti Panizzolo.

ECOMONDO  è la fiera leader  della green e circular economy nell’area euro-mediterranea;  un evento internazionale con un format innovativo che unisce in un’unica piattaforma tutti i settori dell’economia circolare: dal recupero di materia ed energia allo sviluppo sostenibile.

Nel settore della green e circular economy l’Italia è ai primi posti in Europa, in particolare nell’efficienza energetica, nel riciclo dei rifiuti e nella produttività delle risorse.
Per questo motivo, Ecomondo si posiziona nel panorama internazionale come appuntamento di riferimento per incontrare tutte le aziende leader di mercato, conoscere i trend, le innovazioni e le nuove tecnologie, confrontarsi con i professionisti del settore.

Destinazione Asia

Un pianale-container Flat Rack ed un container 40″ Open Top sono stati sufficienti per la spedizione di un impianto Panizzolo destinato all’Estremo Oriente.
Composto da un Mulino a martelli Flex 1300 Mobile Drum – 315kw, completo di tamburo magnetico, e da un separatore per metalli non ferrosi a correnti parassite Eddy Current ad alta efficienza, questo impianto andrà a lavorare barattolame da RSU negli stabilimenti di un’importante realtà operativa nel trattamento rifiuti di una delle più grandi e popolose città del mondo.
Capace di produzioni orarie che raggiungono le 16 tonnellate all’ora, il mulino a martelli Panizzolo Flex 1300 Mobile Drum è caratterizzato dalla facilità di movimentazione ed installazione, nonché dalla velocità di messa in opera una volta giunto a destinazione.
Grande importanza è stata data anche all’interfaccia user-friendly del pannello di controllo. Con alcuni semplici accorgimenti, i comandi e le schermate del software Panizzolo che gestisce il computer touch-screen del Flex 1300 sono stati tradotti in ideogrammi orientali. Questo  procedimento renderà immediatamente utilizzabile l’impianto anche all’utente orientale meno esperto dopo un breve corso di formazione.

Queste sono comunque solo alcune delle ragioni che hanno spinto l’azienda Asiatica a scegliere Panizzolo per il trattamento dei propri rifiuti. La più importante è sicuramente la qualità del prodotto in uscita e la generale economia di gestione.
L’impianto è ora in viaggio, caricato su una nave porta-container che, dopo cinque settimane di navigazione renderà l’estremo oriente un po’ più vicino.

Nuovo impianto con mulino a martelli Flex 1300 nel cuore dell’Europa

E’ entrato in funzione alla fine di aprile il nuovo impianto Panizzolo Recycling Systems per il trattamento ed il riciclaggio di RSU (rifiuti solidi urbani) in Belgio.

Commissionato da un’importante azienda multinazionale operativa in diversi settori del riciclo rifiuti e della fornitura di materie prime ed energia, è composto di un potente mulino Panizzolo Flex 1300 – 315kw, nella sua versione fissa, da un separatore a tamburo magnetico, un separatore per metalli non ferrosi a correnti parassite Eddy Current, e ben due separatori densimetrici Zig-Zag per la pulizia dei metalli dagli inerti leggeri come plastica, carta e residui organici.

L’impianto, grazie alle tecnologie ed alle soluzioni brevettate Panizzolo, permette la lavorazione di grossi quantitativi di materiale in entrata, fino a 15 tonnellate all’ora, ed è in grado di arrivare ad un prodotto finale di qualità, il cui valore è accresciuto dall’elevata pulizia garantita dai sistemi di separazione Panizzolo Recycling Systems.

Il mulino a martelli Flex 1300 ora attivo in Belgio è dotato della cabina di insonorizzazione opzionale e di un sistema di sollevamento per la sostituzione rapida della culla intercambiabile, il sistema brevettato che consente una capacità di adattabilità a più lavorazioni e materiali, caratteristica unica nel mercato che testimonia la validità del prodotto Panizzolo.

Nuovo impianto per la pulizia di RSU in funzione.

È stato collaudato e messo in funzione dall’inizio dell’anno un nuovo impianto per la pulizia del barattolame da RSU in un’importante azienda Siciliana.

Grazie al mulino a martelli Flex 800 Compact Mobile, capace di alte produzioni e dotato del sistema brevettato di culla e griglie intercambiabili, il prodotto in uscita raggiunge alti livelli di qualità.

È questo il motivo per il quale sempre più aziende stanno optando per le macchine Panizzolo Recycling Systems: richiesta energetica bassa, produzioni elevate, alta qualità ed adattabilità del risultato, rendono i nostri impianti una scelta oculata, ragionata e, soprattutto, redditizia.

Trattamento ferro e legno con Mulino a martelli Flex 500 Compact Mobile

È attivo ormai da qualche settimana in Nord Italia il nuovo impianto per trattamento di materiale misto, in gran parte legno e metalli ferrosi, con un mulino a martelli Flex 500 Compact Mobile.

L’impianto Panizzolo Recycling Systems è in grado di trattare fino a 3 tonnellate all’ora di materiale misto, effettuando la successiva separazione del metallo ferroso e la sua pulizia dal residuo materiale organico per mezzo di un separatore densimetrico ad aria.

Industria 4.0 – Super Ammortamento 250%

 

I macchinari prodotti dal Gruppo Panizzolo rientrano nel campo di applicazione stabilito dalla legge di Bilancio 2017, parte 1 sez 1, Art 1, Comma 8-13 sul Super ammortamento del 250%.

Industria 4.0 richiede precise soluzioni tecnologiche:

  • Beni strumentali il cui funzionamento deve essere controllato da sistemi computerizzati e/o gestiti tramite opportuni sensori ed azionamenti.
  • Macchine utensili di de-produzione e re-manufacturing per recuperare materiali e funzioni da scarti industriali e prodotti di ritorno a fine vita, come ad esempio le macchine per il disassemblaggio, per la separazione, la frantumazione ed il recupero chimico di materiali.

Gli impianti Panizzolo rientrano in questi requisiti perché comprendono:

  • Controllo per mezzo PLC (Programmable Logic Controller).
  • Possibilità di inter-connessione ai sistemi informatici di fabbrica.
  • Possibilità di integrazione automatizzata con il sistema logistico della fabbrica e/o con altre macchine del ciclo produttivo.
  • Interfaccia uomo-macchina semplice ed intuitiva, attraverso un terminale operatore dotato di Touch panel con videate descrittive, impostazioni e segnalazione dei guasti.
  • Rispondenza ai più recenti standard in termini di sicurezza.
  • Sistema di tele-manutenzione, telediagnosi e controlli in remoto.

Monitoraggio continuo delle condizioni di lavoro e dei parametri di processo mediante opportuni set di sensori, ma anche adattività alle derive di processo (con analizzatori di energia, conteggio delle ore di funzionamento e storicizzazione degli allarmi tutti salvati all’interno del terminale operatore e su supporto USB removibile).

Il Gruppo Panizzolo sarà lieto di fornirvi tutti i dettagli sulle condizioni di accesso alle agevolazioni previste dalla Legge di Bilancio 2017.

Malta: Nuovo impianto operativo nella Perla del Mediterraneo

 

A Febbraio è stato avviato il nuovo impianto di riciclaggio Panizzolo per metalli ferrosi e non ferrosi nell’arcipelago Maltese.

In una delle zone più densamente popolate del pianeta, la raccolta ed il trattamento di rifiuti e materiali sono attività che richiedono una particolare attenzione ed una peculiare flessibilità nella gestione delle risorse.

La sfida non era facile.

I requisiti fondamentali erano la compattezza, la possibilità di poter lavorare più materiali con la stessa macchina, ed una produzione oraria non inferiore alle 3 tonnellate all’ora.

Dopo svariati test effettuati con molti tipi di metalli, trasformatori, motori elettrici, radiatori, carter di alluminio e RAEE, l’azienda committente ha infine confermato che l’impianto Panizzolo era quello che più si adattava alle necessità dell’esigente legislazione Maltese.

Una linea completa per la valorizzazione dei metalli, composta da un versatile Mulino a martelli Flex 500 Compact mobile da 90kw (con deferrizzatore Overbelt integrato), con vagli vibranti ed un separatore a correnti parassite  è ora pienamente operativa e raggiunge picchi produttivi di 3/3.5 tonnellate all’ora a seconda del materiale in entrata.

Gli impianti Panizzolo confermano ancora una volta la loro flessibilità ed adattabilità, contribuendo in maniera silenziosa ed infaticabile al miglioramento del nostro ambiente.

 

Il Gruppo Panizzolo a IERC 2017

 

Il Gruppo Panizzolo parteciperà al congresso internazionale di IERC dedicato al riciclaggio e all’ambiente che si terrà a Salisburgo (Austria), dal 17 al 20 Gennaio 2017 presso lo STAND 17.

Venite a trovarci in modo da offrirvi una panoramica sui nostri innovativi impianti e macchinari.

Svizzera: avviato impianto pneumatici fuori uso a scopi energetici.

 

Nel mese di Novembre è stata completata l’installazione e la messa in funzione dell’impianto Panizzolo per la triturazione di pneumatici fuori uso (provenienti sia da automobili che da autocarro) con lo scopo di produrre ciabattato di qualità da consegnare a cementerie ed inceneritori per scopi energetici.

Venduto ad un’azienda Svizzera leader nella raccolta di questa tipologia di rifiuto, l’impianto si compone di un trituratore PZ 2H-TYRE 1500 e di un vaglio a margherita PVM 1500.
L’impianto progettato dai tecnici Panizzolo permette una qualità di ciabattato 50×50 mm. ai massimi livelli nel settore ed una produzione di materiale di 3-5 ton/h, con significativi risparmi grazie ai motori a basso consumo energetico.

 

 

Come consuetudine del Gruppo Panizzolo le tecnologie integrate nel trattamento riducono drasticamente le usure provocate dalla triturazione dello pneumatico, grazie alle speciali leghe di acciaio impiegate nelle lame del PZ 2H-TYRE 1500. Questo è equipaggiato con due alberi di diametro 210 mm che utilizzano un gruppo di trasmissione indipendente l’uno dall’altro e che hanno la possibilità di ridurre i giri in automatico (da 12 a 6) in base alla potenza richiesta.
Altra peculiarità delle progettazioni del Gruppo padovano è la drastica riduzione dei tempi di fermo macchina, in quanto sia il trituratore che il vaglio a margherita sono strutturati per una manutenzione essenziale, semplice e veloce.

Consuetudine del Gruppo Panizzolo è anche la velocità di installazione ed avviamento: dopo appena due giorni l’azienda ha potuto avviare l’impianto a pieno regime produttivo.
La semplicità di utilizzo, la produttività oraria e la flessibilità di lavorazione confermano l’alta qualità degli impianti e macchinari Panizzolo per il riciclaggio dei rifiuti ferrosi e metallici.

 

Ecomondo 2016: Gruppo Panizzolo. Una conferma nel settore.

 

È terminata l’undici Novembre la ventesima edizione di Ecomondo che, presso il centro Fieristico di Rimini, ha riunito moltissime aziende (italiane e straniere) del settore del riciclaggio.

Come consuetudine il Gruppo Panizzolo ha partecipato con un proprio stand, esponendo tutte le ultime novità progettate dai tecnici dell’azienda sul tema del trattamento e la valorizzazione dei rifiuti ferrosi e metallici.
Grazie ai molti visitatori intervenuti durante i quattro giorni della fiera, la Panizzolo si riconferma anche quest’anno come un punto di eccellenza italiana, un partner che permette alle aziende di raggiungere nuovi target produttivi e qualitativi.
Nello stand Panizzolo, infatti, i visitatori hanno potuto trovare importanti novità nel range offerto di impianti, macchinari e attrezzature.
Le progettazioni e le soluzioni hanno riscosso un significativo successo di pubblico, testimoniato dal continuo affollamento di visitatori interessati presso lo stand.
Le aziende del settore (provenienti da tutta Europa e non solo) sono rimaste fortemente colpite dalla ricca gamma di mulini a martelli, trituratori e sistemi di separazione e raffinazione offerta dal Gruppo Panizzolo, che è costantemente in prima linea per offrire completi cicli di trattamento dei metalli.
I molti visitatori hanno potuto apprezzare la storica gamma di mulini a martelli serie Flex, e lasciarsi piacevolmente stupire dal nuovo Flex 400 Industry.

Come tutte le attrezzature di sua progettazione, i sistemi Panizzolo vengono apprezzati per la flessibilità nel tipo di materiale lavorato, per l’essenziale manutenzione e per il risparmio di usure e di energia.

Come nelle precedenti edizioni Ecomondo, il Gruppo Panizzolo si riconferma come punto di riferimento leader tra le aziende del settore. Oltre a consolidare i rapporti con clienti che già lavorano con i suoi impianti, rafforza e accresce la sua presenza nel mercato Europeo ed Extra-europeo. A testimonianza di ciò, l’azienda padovana esce dalla kermesse Riminese con un buon numero di aziende interessate a visitare la sua sede per vedere le sue tecnologie in azione.