T  +39.049.973.1038 – info@panizzolo.com

  • it
  • en
  • fr
  • es
  • pl
News, Novità, Prodotti

L’opportunità di business nascosta nei rifiuti misti da RSU

 

L’Unione Europea ha introdotto negli ultimi anni stringenti normative per il conferimento in discarica, allo scopo di massimizzare il recupero dei materiali riciclabili. Un obbiettivo che attualmente molti impianti europei faticano a concretizzare quando si scontrano con il barattolame misto da RSU.

Tale rifiuto si compone da metalli (in predominanza ferro, alluminio e acciaio) mescolati ad inerti casalinghi come nylon, plastiche, vetro, ecc. Una produzione in costante crescita, stimata dalla recente relazione EUROSTAT a circa 42,3 milioni tonnellate annue.

 

La gestione del Barattolame da RSU: recuperare il proler ferroso

I rifiuti RSU presentano una non omogeneità del loro contenuto a causa di un’inefficiente raccolta differenziata nelle capitali e nelle città metropolitane.
Con una concentrazione di inerti che può arrivare fino al 60% rispetto ai metalli, è considerato troppo oneroso da trattare ma, allo stesso tempo, non conforme allo smaltimento nelle discariche europee.

Per massimizzarne il ciclo di recupero un’interessante opportunità di business risiede nel valorizzare il proler metallico. In questo modo si ha la possibilità di reintrodurre nel ciclo produttivo ferro, acciaio, inox e metalli quali Alluminio, rame e ottone.

Tuttavia le fonderie impongono stringenti parametri per una fusione ottimale del prodotto. Di conseguenza l’azienda non può affidarsi unicamente a cernite manuali, apritori e lettori ottici/raggi X.
La soluzione è data dagli impianti di macinazione. Un mulino a martelli di qualità libera il metallo dagli inerti, semplifica le fasi finali di separazione e ne massimizza il valore commerciale.

L’organizzazione che intraprende questo percorso deve ponderare attentamente le caratteristiche tecniche dei mulini per rottami. Macinare il barattolame misto da RSU con modelli non adatti o improvvisati porta, nel medio-breve periodo, a seri danni economici e produttivi.

 

Il mulino per rottami

Durante la lavorazione il mulino è sottoposto a picchi di lavorazione, stressando molte componenti meccaniche e causando, nei modelli meno efficienti, danni strutturali .
La sicurezza produttiva nel lungo termine deve essere garantita da strutture e corazze adeguate agli RSU, velocizzando anche l’accesso agli elementi coinvolti nella macinazione. Questi ultimi rispetto ad altre lavorazioni subiscono un decadimento più rapido, causato da abbondante presenza di vetro e acciaio. Un problema costante nei mulini con fascia di prezzo medio-basso, penalizzando economicamente produttività e gestione dei ricambi.
A differenza i fornitori che propongono soluzioni di qualità più elevata hanno introdotto con successo speciali leghe di fusioni nei mulini orizzontali. Martelli e griglie riscontrano un’usura più lenta e graduale, rendono costante la qualità degli output ed evitando il blocco causato dagli inerti leggeri che fluttuano nella camera di macinazione.

A completare l’offerta di un mulino a martelli di qualità deve essere la flessibilità di trattamento. Cambiare velocemente il set up delle griglie è fondamentale, specialmente con questo rifiuto. Ancora oggi pochi fornitori tecnologici sono in grado di garantire questo valore aggiunto negli impianti dedicati alla valorizzazione del barattolame misto da RSU.

L’impegno e la professionalità affrontato dai pochi fornitori tecnologici ha permesso di rivedere il metodo di approccio al trattamento.
Non dovendo più rimbalzare da un’impianto all’altro in attesa di essere esportato, interrato o bruciato, sempre più impianti in tutta Europa sono sono in grado di valorizzare profittevolmente i metalli da RSU, ottenendo materia prima secondaria e reintroducendoli nel ciclo economico.