T  +39.049.973.1038 – info@panizzolo.com

  • it
  • en
  • fr
  • es
  • pt-pt
  • pl

Impianto Raffinazione

VALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI

L’impianto di raffinazione Panizzolo è progettato per il trattamento di particolari frazioni di rifiuti e ha lo scopo di valorizzare i metalli contenuti (specialmente il rame). Alcuni esempi di rifiuti sono:

  • FLUFF: derivante da impianti di flottazione o dalla macinazione di metalli misti (contenenti rame, alluminio, acciaio, vetro, polvere di cemento, ecc.).
  • Frazione deferrizzata e non selezionata da impianti di trattamento RAEE (contenti plastiche, componenti con acciaio, cavetteria, ecc.);
  • Rame deferrizzato (inquinato da acciaio, plastiche, ecc.) proveniente da macinazioni dei motori elettrici;
  • Ritagli da circuiti stampati delle schede elettroniche (contenenti polveri di vetro e rame)

MATERIA PRIMA IN OUTPUT CON MULINI BREVETTATI

Nel ciclo di trattamento Panizzolo sono inseriti specifici e brevettati mulini a martelli (serie RAF-M e RAF-F). Progettati grazie alle dirette esperienze dell’azienda, garantiscono alta produttività sia in presenza di acciai e inerti usuranti, sia nella macinazione e granulazione dei metalli. Il materiale viene di seguito trasportato alle tavole di separazione densimetrica, permettendo di:

  • Separare completamente i metalli dagli inerti da discarica.
  • Separare e valorizzare il granulo di rame e alluminio.
  • Recuperare e separare l’acciaio inox.

COMPLETAMENTO DEL CICLO DI RECUPERO

A differenza dei convenzionali metodi di trattamento, l’impianto di raffinazione Panizzolo permette il completo recupero dei metalli (rame, alluminio e acciaio inox), reintroducendoli nel mercato come materia prima secondaria.

I sistemi oggi offerti dal mercato sono: l’impianto di trattamento cavi (che non può ricevere materiali con inox e inerti usuranti) e i sistemi di separazione ottici e a raggi X. Quest’ultimi presentano importanti limitazioni. Dividono una sola tipologia di materiale alla volta e l’utilizzatore, al termine dei vari passaggi di separazione, deve comunque gestire degli output misti di inerte e metalli.

A differenza l’impianto di raffinazione Panizzolo adopera sistemi meccanici di macinazione. Il rifiuto viene processato dai mulini a martelli brevettati, il metallo granulato e l’inerte polverizzato. In questo modo si ottiene un output perfetto per la finale separazione tramite le tavole densimetriche.

 



Tecnologie utilizzate

Dati Tecnici